Lou Kerner (CryptoOracle): Bitcoin bene rifugio superiore all’oro

Secondo quanto dichiarato da Lou Kerner in una recente intervista a CNBC, cofondatore di CryptoOracle, coloro che attualmente hanno investito nell’oro come riserva di valore e bene rifugio, potrebbero, nel medio-lungo termine, spostarsi verso Bitcoin.

L’annoso problema della volatilità

Secondo Kerner, la volatilià, uno dei principali punti deboli di Bitcoin, è un fenomeno passeggero, legato alla relativa novità di questo tipo di bene digitale, ed è fisiologico, per tutti i nuovi strumenti di investimento. Kerner ha  dichiarato:

“You see new assets like junk bonds forty years ago… It was extremely volatile like we’re seeing with Bitcoin today, and they said it was a scam forty years ago.”

“Guardate nuovi asset come i [cosiddetti] junk bond quaranta anni fa… Erano estremamente volatili, come avviene oggi per Bitcoin, ed erano considerati una truffa quarant’anni fa.” (traduzione dell’Autore)

Tutelare il potere di acquisto dall’iperinflazione

In momenti di crisi economica (specie in alcuni paesi come il Venezuela), l’acquisto di criptovalute può risultare una scelta efficace, per mitigare l’iperinflazione della moneta nazionale. Ciò è vero nonostante le forti oscillazioni del prezzo di Bitcoin e delle altre altcoin; si tratta infatti di strumenti ideati per essere deflazionari e quindi per andare in controtendenza rispetto alla valuta fiat, che rimane invece soggetta a inflazione e perdita di potere d’acquisto negli anni, non solo in nazioni come il Venezuela, ma in generale ovunque, sebbene in misura minore e meno amplificata.

Bitcoin è una riserva di valore più efficiente dell’oro

Secondo Kerner, Bitcoin risulta più efficace come riserva di valore rispetto all’oro: nell’intervista, in realtà, non specifica quali siano le caratteristiche che lo rendono migliore dell’oro, come strumento per tutelare il potere d’acquisto e combattere l’iperinflazione e le crisi economiche. Possiamo però elencare qui alcuni punti a riguardo:

  • l’oro, per poter essere conservato in grandi quantità, richiede edifici appositi, con camere di sicurezza, impianti antifurto e guardie armate, proprio perché può essere fisicamente sottratto, mentre le misure di sicurezza informatica per mettere in sicurezza Bitcoin risultano meno dispendiose, anche se non totalmente a costo zero
  • anche il trasferimento di lingotti, specie se per somme ingenti, risulta difficoltoso, sia per il suo peso e ingombro, sia per il pericolo di furti durante il trasporto
  • viceversa, per micro-transazioni, l’oro risulta poco pratico: e a causa della sua malleabilità perde piccoli frammenti e risulta scomodo da trasferire per piccole quantità
  • per quanto riguarda la rarità e difficoltà di estrazione, nel caso dell’oro si potranno scoprire nuovi giacimenti o nuove tecnologie di estrazione, rendendolo meno raro e facendone eventualmente scendere il valore, come conseguenza la sua rarità sarebbe in ogni caso variabile nel tempo e non prevedibile a priori, mentre nel caso di Bitcoin la quantità totale emessa è definita dall’inizio e i vari momenti di emissione sono prestabiliti e non modificabili

Di seguito il video originale (in Inglese) dell’intervento di Lou Kerner a CNBC.


Fonti:
CNBC: https://www.cnbc.com/video/2018/08/17/kerner-bitcoin-well-positioned-to-be-a-store-of-value-competing-with-gold.html
Live Coin Watch: https://news.livecoinwatch.com/cryptooracle-bitcoin-comparable-gold/

Sviluppatore software professionale dal 2006, appassionato di crypto dal 2013, attualmente impegnato, tra le altre cose, nello sviluppo di coinrush.it

  • 52
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Acquista Libro Bitcoin su Amazon





Post nella categoria: Crypto News - Tag: / / / / / / / / / /
Pubblicato il 21-08-2018

Lascia un commento