ETF su Bitcoin rifiutati per la terza volta dalla SEC americana

La Security and Exchange Commission ha rifiutato ieri la richiesta per gli ETF su Bitcoin, richiesta da ProShares. A differenza della proposta di ETF al Cboe (Chicago Board Options Exchange). la proposta di ProShares prevedeva la creazione di contratti Future, e non l’acquisto effettivo di bitcoin veri e propri, da parte degli investitori.

Una decisione che non entra nel merito

Secondo quanto dichiarato dalla SEC, la decisione non dipende da una valutazione sull’effettiva validità di Bitcoin come strumento tecnologico. Nella motivazione leggiamo infatti:

“The Commission emphasizes that its disapproval does not rest on an evaluation of whether bitcoin, or blockchain technology more generally, has utility or value as an innovation or an investment.”

“La Commissione sottolinea che la sua mancata approvazione non si basa sulla valutazione se Bitcoin o la tecnologia blockchain più in generale, abbia utilità o valore come innovazione o investimento” (traduzione dell’Autore)

Un esito già previsto dagli investitori

Gli investitori e esperti del settore avevano già previsto l’esito negativo di questa interrogazione, proprio perché si basava su contratti future. Appare più probabile, invece, una possibile risposta positiva riguardante gli ETF al Cboe, che avrebbe come oggetto l’effettivo acquisto e detenzione di veri bitcoin, e non di contratti derivati. Mentre al momento gli investitori in criptomoneta sono principalmente persone giovani e più tecnologicamente informati, la creazione di ETF permetterebbe di attirare investitori “tradizionali” e istituzionali, aprendo il mercato ad un maggior numero di soggetti.

La prossima decisione è attesa per settembre

La decisione relativa agli ETF al Cboe, avverrà presumibilmente a settembre di quest’anno. Se, da un lato, molti vedono l’approvazione di ETF e altri strumenti finanziari legati alla criptomoneta, come un’importante evoluzione di questo mercato, altri, come Vitalik Buterin (fondatore di Ethereum), ritengono che ci sia attualmente troppa enfasi su complessi strumenti finanziari, che potrerebbe a trascurare la funzione primaria delle crypto, ovvero il loro effettivo utilizzo di massa per transazioni e compravendita di beni e servizi.

Nessun movimento sostanziale del prezzo di BTC

Nonostante questa notizia, Bitcoin non ha mostrato sostanziali variazioni di prezzo. Probabilmente il rifiuto della SEC, essendo già prevedibile, non ha avuto particolari ripercussioni sul prezzo, che aveva gia “incassato” il possibile rifiuto. Anche l’eventuale approvazione futura degli ETF potrebbe avere solo un temporaneo effetto rialzista sul prezzo. L’effettiva risalita di BTC è più verosimilmente legata ad un suo maggiore utilizzo come strumento di pagamento, e ad un sostanziale aumento dei volumi di scambio sugli exchange.


Fonti:
Blokt: https://blokt.com/news/breaking-proshares-bitcoin-etf-denied

Sviluppatore software professionale dal 2006, appassionato di crypto dal 2013, attualmente impegnato, tra le altre cose, nello sviluppo di coinrush.it

  • 14
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

Acquista Libro Bitcoin su Amazon





Post nella categoria: Crypto News - Tag: / / / /
Pubblicato il 23-08-2018

Lascia un commento