Blockchain, sistemi distribuiti e decentralizzati – Qualche chiarimento

Nel mondo delle cripto non si fa che parlare di decentralizzazione, senza però quasi mai esaminarne il vero significato e le possibili implicazioni. Che differenza esiste tra un network distribuito e un network decentralizzato? Quanti tipi di decentralizzazione esistono?

Sistemi decentralizzati VS Sistemi distribuiti

In un sistema distribuito i dati non risiedono in un unico server centrale, ma sono distribuiti appunto, tra diversi server. Ad esempio, Google non ha un solo server che “risponde” alle richieste di tutti gli utenti del mondo, ma, a seconda delle zone geografiche, ha diversi server che coprono diverse aree geografiche di utenti. Un sistema centralizzato può benissimo essere anche distribuito. In questo caso, tutti i server saranno controllati da un’autorità centrale che deciderà e garantirà il loro corretto funzionamento.
In un sistema decentralizzato, ogni nodo del network ha la stessa importanza, e non esiste un’entità centrale che ne regola e garantisce il funzionamento.

Rappresentazione di network centralizzati, decentralizzati e diffusi

Diversi tipi di decentralizzazione

Decentralizzazione architetturale: quante macchine e quanti computer fisici compongono il network?
Decentralizzazione politica: quanti individui e organizzazioni controllano le macchine del network e loro funzionamento?
Decentralizzazione logica: il network funziona come un oggetto monolitico, utilizzando stesse interfacce e strutture dati? Oppure funziona più come uno sciame?

Nel caso di Bitcoin, c’è la decentralizzazione architetturale e politica, ma non quella logica. Tutti i nodi del network si comportano nello stesso modo e hanno gli stessi dati, come un unico computer. La blockchain in particolare è un esempio di centralizzazione logica, visto che è lo stesso, identico file condiviso tra tutti i partecipanti al network.

Decentralizzazione e Società umana

L’uomo, inizialmente, viveva in una società decentralizzata, basata sulla caccia e raccolta di frutti spontanei. Gli insediamenti erano piccoli e si praticava il nomadismo. Non esistevano ancora le grandi città e i grandi agglomerati urbani. L’avvio alla centralizzazione è dato dalla “scoperta” dell’agricoltura, 10.000 anni fa, che ha creato le prime comunità stanziali, basate su agricoltura e allevamento. Questo ha permesso la costruzione di grandi città e ha permesso di istituire autorità centrali, col compito di regolare il funzionamento della società, nei suoi vari aspetti. I primi passi verso il “ritorno alla decentralizzazione” si sono visti con l’invenzione della stampa tipografica, che permetteva di far circolare dati e idee in maniera più libera nel mondo. Anche l’avvento di internet ha fatto fare un passo avanti alla decentralizzazione, ma la tecnologia crypto rappresenta un passo ulteriore, perché legato alla possibilità di trasferire valore e informazioni tra un individuo all’altro, senza alcun intermediario. In ogni caso, la decentralizzazione futura sarà diversa da quella dei nostri antenati, perché grazie alla interconnessione, le piccole comunità non saranno più isolate e lontane tra loro.

Fonti:
The Meaning of Decentralization – Vitalik Buterin on Medium

Sviluppatore software professionale dal 2006, appassionato di crypto dal 2013, attualmente impegnato, tra le altre cose, nello sviluppo di coinrush.it

  • 1
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

Acquista Moneta Bitcoin Fisico





Post nella categoria: Approfondimenti - Tag: / / / / / / / /
Pubblicato il 28-06-2018

Lascia un commento