Blockchain a Napoli: ultimi aggiornamenti e intervista a Felice Balsamo

Segnaliamo oggi un importante aggiornamento sulle recenti attività al comune di Napoli. Si tratta di una video intervista a Felice Balsamo, responsabile del progetto Blockchain Napoli, realizzata da Tommaso Coppola, per il Progetto Cultura Digitale.

Il progetto blockchain Napoli

Il progetto blockchain Napoli, nato ad aprile 2018, è parte di un piano più generale, che il Comune sta avviando, per rilanciare il sistema economico e per migliorare le proprie infrastrutture tecnologiche. Di seguito l‘intervista al Sindaco, dove viene spiegato in cosa consiste il progetto nel suo complesso, e quali ambiti andrà a toccare, oltre a quello crypto.

L’intervista a Felice Balsamo

L’intervista in questione non tocca più di tanto gli aspetti tecnici e tecnologici della blockchain, ma si focalizza più sull’aspetto politico e istituzionale. Viene sottolineata la propensione tecnologica della città di Napoli, e gli esperimenti passati con il Napo, come moneta complementare cartacea. Dopo la fase di studio iniziale che si è appena conclusa, la fase successiva sarà quella della diffusione dell’uso delle criptovalute esistenti, per poi valutare la creazione eventuale di un nuovo token, nella terza fase. A questo scopo, il Comune ha istituito tre tavoli di lavoro:

  • i pagamenti in criptovalute
  • la trasparenza nella P.A. (che si propone di effettuare le votazioni per i referendum comunali utilizzando la blockchain)
  • la creazione di una criptovaluta complementare cittadina, utilizzabile per il pagamento di beni e servizi comunali

Un ruolo importante sarà dato alle associazioni di categoria, che dovranno occuparsi di agevolare le iniziative programmate, rivolgendosi alle aziende. Balsamo precisa poi che al momento è prematuro dare dettagli tecnici specifici, e che bisogna seguire i vari iter già avviati e verificare passo passo come procederà il progetto. Nel frattempo ci sono tre delibere in arrivo:

  • la prima per respingere il debito pubblico contratto dalle giunte precedenti
  • la seconda per l’ampliamento dei poteri comunali
  • la terza per l’introduzione di metodi alternativi di pagammento e incentivazione all’utilizzo delle crypto e della blockchain nella pubblica amministrazione

Quest’ultima delibera avrà carattere del tutto innovativo all’interno dell’ordinamento italiano, in quanto finora la P.A. non ha mai deliberato su materie relative alle criptovalute. Insomma la parte più difficile e delicata, in questa vicenda, non è quella tecnologica, ma proprio quella burocratica e istituzionale: non è semplice portare l’innovazione in un sistema ancora lento e macchinoso, ed è proprio questo che il progetto sta facendo attualmente.


Un ringraziamento particolare a Tommaso Coppola, che, oltre ad aver realizzato l’intervista, partecipa attivamente al tavolo di lavoro per i pagamenti in crypto, presso il Comune di Napoli. Ringraziamo anche Cultura Digitale e Luca Vallone, per aver messo a disposizione il video.

Sviluppatore software professionale dal 2006, appassionato di crypto dal 2013, attualmente impegnato, tra le altre cose, nello sviluppo di coinrush.it

  • 2
  • 1
  •  
  •  
  • 1
  •  

Schede Video per mining sottocosto (esclusiva Coinrush)





Post nella categoria: Crypto News - Tag: / / / / / / / /
Pubblicato il 04-10-2018

Lascia un commento